Di ciuchi sognanti, cornamuse suonanti e allegri viandanti.

Lo statuto, firmato dagli otto soci fondatori, presenta nel dettaglio tutti gli scopi costitutivi dell’associazione.

I principali fini che ci proponiamo di realizzare sono racchiusi nella dichiarazione d’intenti, che abbiamo intitolato Di ciuchi sognanti, cornamuse suonanti e allegri viandanti.

Amiamo profondamente la nostra terra e vogliamo provare a ripopolare il centro storico di Abbadia San Salvatore secondo le necessità turistiche, economiche e sociali. Vogliamo portare nuove idee e nuove energie, riscoprendo valori che sembrano da tempo scomparsi.

Intendiamo rivitalizzare la realtà giovanile nell’ambito dell’organizzazione degli eventi paesani, cercando di coinvolgere quanti più soci possibile nelle nostre attività e in generale nelle proposte culturali di Abbadia San Salvatore.

Vorremmo creare un polo culturale e un circolo aperto a tutti, dove chiunque possa vedere le proprie idee realizzate, grazie ad una struttura associativa senza gerarchie.

Con il nostro lavoro speriamo di dimostrare che un’altra realtà è possibile: unire le risorse e i punti di vista superando inutili contrasti e gelosie.

Per maggiori informazioni sull’associazione e sulle modalità di tesseramento clicca qui per scaricare lo statuto integrale.

«Bisogna partire dal piccolo se vogliamo cambiare le cose. A volte saremo esempio, altre volte impareremo dagli altri e proveremo ad essere migliori. C’è bisogno di darsi da fare per costruire qualcosa di buono, non si può solo agire per vantaggi personali o banali tornaconto. Abbiamo voglia di fare e speriamo che in tanti ci supportino.
Come in quella notte di luglio, dove tra chiasso, entusiasmo e risate, durante l’Offerta dei Censi, è nato tutto. Sono nate la Taberna e l’associazione…NOI.

I ciuchi sognanti ci sono, le cornamuse suonanti pure. Aspettiamo voi, allegri viandanti. Starà a noi convincervi ad entrare in Taberna per assaporare il nostro lavoro.

E’ il momento.

Avanti!»

Marco Arezzini

Presidente Associazione Culturale

Il Ciuco Ritto